Capodanno sulla neve, con tanta neve, a Sestrière

Cosa facciamo quest’anno a Capodanno? Quanto mi piacerebbe andare in montagna, pensa che bello risvegliarsi il primo giorno dell’anno con tutta la neve intorno…potremmo andare in Trentino, vediamo com’è la situazione…

Sparano la neve, perché non ce n’è abbastanza…peccato…mi sarebbe piaciuto così tanto! I bambini si sarebbe divertiti come matti!

Però un mio amico mi ha detto che in Piemonte e Val d’Aosta ci sono state delle nevicate eccezionali, che ne dici? Perfetto! Andiamo.

GIORNO 1

E’ facile cambiare meta quando si ha il camper, non si hanno problemi di tempi, di arrivi, di prenotazioni. Perciò partiamo di sera come al solito per fare un bel po’ di autostrada di notte in direzione Torino. Nei pressi della città mi rendo conto come spesso accade di avere qualche problema di attrezzature e rifornimento, in questo caso una giacca a vento di ricambio di Greta. Quindi ci fermiamo da Decathlon, prendiamo il necessario e ripartiamo in direzione Sestriere: da Torino prendiamo la SS24 che passa per Oulx e Cesana Torinese, da dove si prosegue sulla SP23R che porta proprio a Sestriere.

Effettivamente c’è tantissima neve e nell’area sosta  i posti sono limitati e i servizi ridotti proprio per questo! Per noi però non è un problema.

capodanno in camper a sestriere

Cominciamo ad esplorare il paese a piedi, con un giro di breve durata perché già alle 17 la temperatura comincia ad abbassarsi con il tramonto e il freddo si fa sentire.

I bambini non riescono a smettere di giocare con tutta la parete di neve che abbiamo di fianco al camper. Però è ora di ritirarsi, per la cena e andare a dormire in modo di essere riposati per il giorno successivo.

GIORNO 2 E 3

Ci svegliamo con un bel freddo esterno che si aggira tra -6° e -8°, ma la nostra stufa tiene bene mantenendo 20° all’interno del camper.

Ci vestiamo con l’abbigliamento da sci e facciamo un giro per il paese per cercare le varie attività che possiamo svolgere.

Il comprensorio della Via Lattea offre tantissimi servizi, oltre alle piste da sci, tra cui quelle olimpioniche realizzate per le Olimpiadi Invernali del 2006: le ciaspolate, i percorsi con i cani da slitta, l’heliski, le piste da slittino e bob.

Prenotiamo le lezioni di sci per i bambini  e facciamo pranzo allo chalet delle piste, noleggiamo gli sci e via sulle piste. L’insegnante che abbiamo trovato ad aspettarci è molto simpatica e disponibile e sarà l’insegnante dei bambini anche nei prossimi giorni

A lezione finita si va al market a fare un po’ di spesa per la cena e poi rientriamo in camper: bisogna organizzarci per far asciugare le giacche e i pantaloni bagnati, che mettiamo vicino ai tubi della stufa per sfruttarne il calore. Ci mettiamo comodi, cuciniamo qualcosa per la cena, facciamo qualche gioco di carte e via a nanna per il giorno dopo.

Il mattino successivo abbiamo già la lezione di sci, quindi ci dirigiamo alle piste per poi fare pranzo. Il pomeriggio libero lo trascorriamo tutto sulla pista da bob, con il nostro bob con cui i bambini non fanno altro che scivolare decine di volte.

Si rotolano, saltano, cadono ne combinano di tutti i colori fino a quando la pista non è completamente in ombra e il freddo comincia a farsi sentire e questo ci dice che è ora di tornare in camper.

GIORNO 4 (31  DICEMBRE)

E’ l’ultimo giorno dell’anno e ci prepariamo per festeggiare come si deve. La prima parte della giornata va come sempre, fino al primo pomeriggio. Prima di tornare a casa ci fermiamo in una gastronomia del paese, che ci invoglia a comprare formaggi locali (toma), lasagne, lenticchie tradizionali e dolci.

Così carichi di cibo torniamo in camper e cominciamo a preparare la cena: abbiamo tutto ciò che ci serve e possiamo muoverci per andare a vedere la fiaccolata dei maestri di sci, e i fuochi.

C’è la musica, il conto alla rovescia…3…2…1…Auguri!!!

La bottiglia di spumante era in mezzo alla neve, così si manteneva fresca, i bambini accendono le stelline scintillanti e cielo di Sestriere si accende di mille luci colorate. Siamo sdraiati sulla neve e i bambini continuano a fare scivolate qua e là.

E’ un bellissimo capodanno, è il primo capodanno sulla neve in camper e me lo ricorderò!

 

Lascia un commento