Week end in relax al lago di Fiastra

Questa per noi è una meta facile, perché vicina e perché rappresenta una meta tipica della gita fuori porta nelle prime giornate di primavera, o per chi ha voglia di fare il bagno al lago invece di raggiungere il mare in estate.

Partiamo con calma il sabato seguendo la SS77 Val di Chienti in direzione Foligno; arrivati in località Polverina, voltiamo a sinistra sulla SP 98 che ci porterà proprio fino al lago. E’ una strada di montagna con molte curve e alcuni tornanti, quindi in camper si percorre con molta calma, ma il paesaggio che abbiamo intorno è molto interessante.  Siamo circondati da montagne verdi e scoscese con qualche casa disseminata sulle pendici.

Arrivati in paese troviamo l’area camper comunale con l’ultimo posto libero. Potremmo parcheggiare, ma pensiamo di entrare di più in contatto con il lago, quindi scegliamo il campeggio “Be Side” che si trova a 100 mt.

Ci dirigiamo prima sulla spiaggia del lago, dove c’è un chiosco con ombrelloni e lettini, dove ci sono molte persone.

Anche noi scegliamo di sdraiarci in relax, mentre i bambini giocano e corrono. Poi decidiamo di fare un giro sulla passeggiata che costeggia il lago mentre mio marito è andato a prendere le canne da pesca.

Intorno al lago ci sono diverse attività che si possono fare come il tour in barca, il parapendio, il tiro con l’arco, ma noi scegliamo di starcene tranquilli sulla riva: i bambini si divertono a pescare anche se non arrivano molti pesci agli ami.

Dopo un’oretta, continuiamo la nostra passeggiata intorno al lago, ed è ora di pensare alla cena. Torniamo in campeggio: mentre i bambini scorrazzano in bici, prepariamo la cena all’aperto, ci regaliamo un’altra passeggiata sul lungolago e per finire a nanna.

GIORNO 2

Ci svegliamo non troppo presto, colazione e poi di nuovo ci immergiamo nella natura del lago prima di ripartire, per dirigerci verso Visso.

Passiamo per il paese di Cupi, piccolo borgo nel pieno del Parco dei Monti Sibillini, ma quando arriviamo a Visso piove a dirotto e purtroppo non riusciamo a scendere per visitare il paese.

Merita comunque di essere visto, ma per noi è già conosciuto perché siamo già venuti diverse volte. Ci sarebbe piaciuto fare un giro per il suo centro pittoresco, prendere un aperitivo al bar centrale, mangiare i buonissimi panini con i salumi locali eccezionali.

Lo faremo un’altra volta.

 

 

 

Lascia un commento